L'importanza della segnaletica per la sicurezza sul lavoro

L’importanza della segnaletica per la sicurezza sul lavoro

Quando si parla di sicurezza sul lavoro si fa riferimento a tutta una serie di precauzioni da adottare, il cui fine è quello di ridurre l’esposizione dei lavoratori ai pericoli, in particolar modo nei confronti di incidenti e infortuni.

Solitamente, tra queste, quella della segnaletica è quella che viene presa meno in considerazione rispetto le altre. Ciò è invece un errore macroscopico, in quanto una adeguata segnaletica è in grado di comunicare in maniera immediata ed efficace ai lavoratori la presenza di eventuali pericoli o comportamenti da tenere.

Ad oggi, provando a visitare un cantiere o area di lavoro, ci accorgeremo probabilmente della presenza di segnaletica vecchia e rovinata dal tempo e dalle intemperie, se non direttamente cartellonistica improvvisata a penna, la cui efficienza è praticamente nulla.

Perché la segnaletica antinfortunistica è così importante?

Grazie ad una adeguata segnaletica, è possibile trasmettere in maniera immediata delle informazioni molto importanti ai lavoratori.

Con una segnaletica efficace è infatti possibile trasmettere ad essi dei messaggi che li rendono consci di quello che è il loro ruolo e della pericolosità di determinate manovre, nonché dei comportamenti corretti da tenere.

Dunque un luogo di lavoro in cui è presente una adeguata segnaletica antinfortunistica farà in modo che automaticamente i lavoratori tendano ad adeguarsi rispettando ciò che viene detto loro dai cartelli stessi, che sono sotto i loro occhi in ogni momento della giornata.

È statisticamente provato infatti, che nelle aree di lavoro in cui la cartellonistica di sicurezza è adeguata la quantità di incidenti sul lavoro è nettamente inferiore. Ricordiamo a tal proposito che il direttore dei lavori è il responsabile della sicurezza in un cantiere.

Segnaletica per la sicurezza: informazioni utili

Tutti i tipi cartelli e segnali che si rivolgono a dipendenti e lavoratori fornendo loro avvertenze e istruzioni sul comportamento più sicuro da tenere sul luogo di lavoro, possono essere definiti come “segnaletica di sicurezza”.

Essi vanno collocati in tutti quei luoghi in cui è possibile possa esserci un problema per il lavoratore o il rischio di un infortunio, chiaramente dove il semplice rispettare la procedura indicata nella segnaletica sia sufficiente per ridurre notevolmente tale rischio.

Nel determinare se e dove inserire la cartellonistica, va tenuto conto di due fattori:

  • Il tipo di pericolo. Bisogna effettuare a monte una valutazione dei rischi relativamente a tutte le operazioni svolte dai lavoratori ed individuare quelle manovre o pratiche che maggiormente possono dare vita a incidenti o infortuni.
  • Elementi di disturbo alla segnaletica. Nel posizionare una segnaletica di sicurezza, così come per qualsiasi tipo di cartelli per proprietà privata, è necessario considerare determinati fattori ambientali che potrebbero nuocere alla qualità e all’efficacia della stessa segnaletica. Questi problemi potrebbero essere una forte illuminazione o il passaggio di oggetti ingombranti, i quali potrebbero coprire di fatto la segnaletica pregiudicandone l’efficacia.

Per questo motivo è bene fare in modo da posizionare la segnaletica laddove possa essere sempre ben visibile e mantenerla in buono stato, così che i cartelli possano sempre essere ben compresi e soprattutto considerati dai lavoratori.

I segnali vecchi Infatti, quelli ormai riferiti a situazioni non più esistenti, vanno rimossi e sostituiti con dei nuovi, più aggiornati e specifici che possano catturare l’attenzione dei dipendenti invitandoli a tenere il comportamento che la situazione richiede.

Dimensioni e colori dei cartelli

Da considerare inoltre è che la cartellonistica per la sicurezza dei dipendenti deve avere una dimensione sufficiente, così da essere notata dalla distanza cui si troveranno i lavoratori nel momento in cui dovranno effettuare una particolare operazione o lavoro.

Alcuni cartelli è bene che siano particolarmente grandi così da poter essere osservati anche a distanza, soprattutto quando indicano determinati comportamenti da tenere entro tutta l’area di lavoro.

Da ricordare infine che il colore rosso nei cartelli indica divieto, pericolo e attrezzature antincendio. Il giallo è invece adoperato per gli avvertimenti, l’azzurro per comunicare dei comportamenti specifici ed il verde per le operazioni di salvataggio, soccorso o sicurezza in genere.

Puoi trovare alcuni esempio sul sito di Sibeshop, azienda specializzata nella produzione di segnaletica di sicurezza e cartelli stradali.

Conclusione

Abbiamo dunque visto l’importanza della cartellonistica per la sicurezza, sia che si tratti di cartelli per proprietà privata che segnaletica antinfortunistica.

Adottare questo tipo di soluzione consente di diminuire notevolmente le possibilità che possa verificarsi un infortunio o incidente, a tutto vantaggio della salute dei lavoratori.